mariannatancredi

Mi piacerebbe avere qualcuno che mi regali libri senza un perchè e che magari mi dica: "Ero in libreria e la copertina mi ha fatto pensare a te".

Barcellona: bella anche in inverno

Barcelona

Dopo i mesi di assedio da parte dei turisti, nei mesi invernali la capitale della Catalogna, Barcellona, diventa una città molto più tranquilla e vivibile.

In questo periodo, Barcellona non è di certo meno vivace, in particolar modo nel periodo natalizio quando le piazze si animano con i loro mercati natalizi. Il mercato natalizio più famoso del capoluogo catalano, è il Mercat de Santa Llúcia, montato attorno alla Cattedrale: al di là della vasta gamma di prodotti venduti, vale la pena visitarlo per la sua posizione unica nel centro storico e di fronte alla imponente cattedrale.

Nel periodo invernale Barcellona si anima anche con tante feste popolari, come la Festa del Tres Tombs (“tre giri”) che celebra la Festa di S.  Antonio (17 gennaio) a Sant Antoni, il quartiere che porta il suo nome: è questa la festa dei draghi di fuoco e dei giganti, dove ammirare cavalieri e carri addobbati e fare tre circuiti della zona, guidati da un maiale in fibra di vetro enorme (che simboleggia la forma presa dal diavolo tentatore di Sant’Antonio).

Nel periodo che va da Natale a marzo, è probabile trovare un albergo a cinque stelle al prezzo di un tre stelle ed il consiglio è quello di scegliere opzioni mezza pensione o bed&breakfast in modo da poter godere a pieno degli ottimi ristoranti cittadini, che offrono piatti ricchi con molte combinazioni di mari e monti e caldi stufati.

Infine, al di là della stagione e della durata del soggiorno, il consiglio è quello di fare una passeggiata su La Rambla forse l’esperienza più suggestiva che si possa fare nella bella città catalana perchè vi si annida una ricchezza di interessi storici e contemporanei fusi in un amalgama di stili creativi. Dando le spalle alla moderna fontana “Homenaje a Francesc Macià“, si arriva alla grande arteria pedonale de La Rambla. Proseguendola si giungi alle moderne strutture del Museu d’Art Contemporani de Barcelona o MACBA, un edificio in pietra, vetro e metallo di Richard Meier. Più avanti è possibile ammirare il l’edificio gotico dell’Hospital de Santa Creu, che ospita la Biblioteca Catalunya. L’ultimo consiglio è quello di scattare una foto con i vostri compagni di viaggio tra i leoni del monumento dedicato a Cristoforo Colombo, situato alla fine delle Ramblas davanti al porto di Barcellona: il ricordo delle persone in foto mentre cercano di aggrapparsi ai leoni vi strapperà sempre un sorriso.

Marianna  Tancredi
pubblicato sul corrieredisalerno.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: